Tubertini Media Tubertini Media Tubertini Media Tubertini Acquadolce
Tubertini Acquadolce
Tutte

Tutte "Lontre" sul podio bologense

Domenica 28 settembre si sono svolte le due prove del Campionato Provinciale di Bologna di Pesca con Esche Artificiali in Torrente.

Le esche consentite in questo tipo di specialità sono hard baits costituite da esche rotanti in metallo e minnows oltre che dalle blasonate esche siliconiche e le più apprezzate esche in gomma proteica dai tanti colori, che in questa occasione sono state utilizzate da tutti gli atleti.

L'alto Reno, in località Ponte della Venturina, ha fatto da cornice ad una giornata assolata e calda. Questo tratto del fiume, dalle caratteristiche torrentizie, ha consentito alla società organizzatrice Le Lontre Tubertini di poter essere ripopolare adeguatamente grazie al discreto livello delle acque. 

Il campionato si è articolato in due prove: la prima disputata la mattina e la seconda nel primo pomeriggio. La pescosità del mattino non è stata elevata, probabilmente a causa dei numerosi pesci foraggio presenti nel fiume, prevalentemente piccoli vaironi e cavedani, i quali verosimilmente, fra sabato e domenica, prima della gara, hanno contribuito a saziare troppo le trote immesse. Di fatto in gara 1 l'ha spuntata Davide Pesci seguito da Vitali Maurizio e Prunari Giovanni, un trio tutto de Le Lontre Tubertini.

Breve pausa pranzo all'insegna della sfida gastronomica, disputata nel parco adiacente il fiume su salame, formaggi, vino ecc,  e subito tutti pronti per la gara del pomeriggio, in un tratto di fiume più a monte. Questo segmento di fiume é caratterizzato da un' alveo più concavo sia monte che a valle intervallati da un tratto centrale sassoso e con acqua corrente su piccoli dislivelli. 

Al via le prime trote sono state portate subito a riva da molti concorrenti, cosa non avvenuta durante la prima prova. A metà gara 2, Soldati Stefano, reduce da una prova sottotono del mattino, sembrava già irraggiungibile. Qualche colpo di scena sul finale di gara 2 ha in parte modificato gli assetti della classifica finale, che ha viso, appunto, prevalere Stefano Soldati il quale, grazie anche alla sonante vittoria in gara 2, con 4,5 penalità complessive si é trovato in testa alla graduatoria finale ed ha scritto il proprio nome nell'Albo d'Oro di questa manifestazione. Seconda piazza al Campione provinciale uscente Maurizio Vitali e bronzo per Davide Pesci, entrambi con 5 punti, a chiudere un podio tutto targato Le Lontre Tubertini. Quinto posto per un altra "Lontra": Giovani Prunari.

Al termine della premiazione non sono mancati i complimenti per Iacovone, membro della FIPSAS bolognese oltre che agonista della specialità, per il suo lavoro di promozione di questa branca dell'agonismo a livello provinciale.

Al termine della manifestazione, con Davide Pesci abbiamo analizzato le attrezzature impiegate da Soldati, Vitali, Prunari, oltre che dallo stesso Pesci per questo successo limpido ed inappellabile.

 

Davide, il segreto di questi successi delle Lontre Tubertini?

"Come puoi immaginare, non ci sono segreti particolari dietro alle nostre vittorie, piuttosto una grande passione oltre che tante ore dedicate alla pesca. Certamente un ruolo determinante lo svolge la componente tecnica delle nostre gare. Le canne che abbiamo impiegato sono state le Seika Iridium e Kizuri di Tubertini nelle misure da 2,40 per pescare a cucchiaio e/o ondulante e le 2,70 per pescare con le gomme. Completavano il corredo i famosi mulinelli Ryobi. Come esche in gomma abbiamo usato quelle studiate da Loris Ferrari, consulente Tubertini per lo spinning, i Soft Bait TB15 ed il Soft Bait TB23. Gli ami per le "gomme", opportunamente piombati, sono stati gli S-74-OC."



 

 

                                                                                                                                         Angelo Borgatti