Tubertini Media Tubertini Media Tubertini Media Tubertini Acquadolce
Tubertini Acquadolce
Lenza Emiliana Campione del Mondo!

Lenza Emiliana Campione del Mondo!

Ogni promessa è debito!

Avevo pronosticato che forse avrei dovuto scrivere non più di un tris per la Lenza Emiliana Tubertini ma bensì di un poker e, puntuali, gli uomini di Gabriele e Glauco mi fanno nuovamente lavorare per dare la notizia che il tris si è trasformato in un poker, uno stratosferico poker di vittorie ad altissimo livello grazie al titolo iridato conquistato in Portogallo dalla Lenza Emiliana Tubertini di Canna da Natante.

Marco Volpi, Paolo Volpini, Gabriele Brunettin ed Anthony Giacomini hanno letteralmente demolito le altre 12 formazioni partecipanti a questa campionato del mondo per Club di Canna da Natante con tre prove condotte magistralmente nelle profonde acque dell'oceano atlantico al largo di Setubal: lo score ufficiale recita tre primi assoluti degli uomini di Bazzano nelle tre prove su cui si è articolata la rassegna mondiale.

E concedetemelo, tutti gli altri a casa!

Ricordo che le gare si svolgono con squadre da 4 elementi e per il punteggio di squadra si considerano i tre piazzamenti migliori dei quattro conseguiti.

Questi i piazzamenti del quartetto Tubertini nelle tre prove:

1^ manche - 3 penalità: Volpi 1°, Brunettin 1°, Giacomini 1°, Volpini 4°

2^ manche - 3 penalità: Volpi 1°, Volpini 1°, Giacomini 1°, Brunettin 7°

3^ manche - 3 penalità: Brunettin 1°, Volpini 1°, Giacomini 1°, Volpi 2°

Alla luce di questi risultati inequivocabili, la Lenza Emiliana Tubertini di Canna da Natante si laurea Società campione del mondo 2014, titolo che aveva già conseguito altre due volte in passato. Il giovane talento Anthony Giacomini é il 1° assoluto nella graduatoria individuale, ufficiosa ma pur sempre importantissima, confermandosi atleta di classe purissima.

I neo campioni del mondo per conseguire questi risultati hanno usato le più recenti attrezzature Tubertini per questa difficile specialità, che coniuga in egual misura doti tecniche e strategiche fondamentali dell'atleta alla necessità di disporre di attrezzi di qualità indubbia per avere ragione di pesci da pescare spesso a profondità notevoli e in condizioni di mare difficile.

Le gare del Mondiale si sono svolte a punteggio e con la metodica del "catch & release", ossia ad ogni preda salpata veniva attribuito un punteggio prestabilito e quindi nuovamente rilasciata. La strategia di pesca era volta a bucare gli strati di grossi sgombri e di boghe presenti negli strati intermedi per arrivare sul fondo, ad una settantina di metri di profondità, ad insidiare saraghi, tanute, bolagi, castagnole, specie che garantivano punteggi migliori. Per fare questo gli italiani hanno impiegato zavorre nell'ordine dei 500 grammi manovrate con le nuove F1-506, attrezzi potenti e precisi, corredati con le micidiali vette in A.P. FLEX che consentono di percepire anche le tocche più sensibili a profondità enormi come queste; come mulinelli la scelta dei campioni della Lenza Emiliana Tubertini è caduta su Ryobi Maxim, potenti ed affidabili, caricati con il trecciato Riujin o il nylon Tatanka Blu.

Con questo Titolo iridato la bacheca della Lenza Emiliana Tubertini arriva a contenere 6 Titoli mondiali per Club (3 del Colpo e 3 della Canna da Natante), 8 Titoli italiani per Società di Pesca al Colpo, 5 Titoli nazionali di Canna da Natante ed 1 Titolo italiano di Pesca a Feeder oltre a svariati Titoli minori.

 

 

                                                                                                                                         Angelo Borgatti