Tubertini Media Tubertini Media Tubertini Media Tubertini Acquadolce
Tubertini Acquadolce
Parata di stelle Tubertini

Parata di stelle Tubertini

Terminata la grande kermesse dei Giochi Mondiali della Pesca, è tempo di bilanci. E per le donne e gli uomini sponsorizzati Tubertini il bilancio è certamente positivo, anzi strapositivo.

Tanti atleti della Lenza Emiliana Tubertini e di altri sodalizi abbinati al Marchio Tubertini sono saliti sui vari podi dei Campionati Mondiali delle varie categorie, tanto con i Titoli per nazioni che per le medaglie individuali. Vediamoli nel dettaglio

 

Per giusto dovere di cavalleria, iniziamo dalle nostre “Canne Rosa”, tra le quali vi erano due atlete Tubertini: Simona Pollastri, della Lenza Emiliana Tubertini, e Veronica Visciglia dei Pescatori Padovani Tubertini. 

Per “magic” Simona uno scorcio d’anno felicissimo, con il suo collo ed il suo palmares ornati di due importantissime medaglie: il Tricolore donne (il decimo!!!) ed il Titolo mondiale a squadre (anche questo non certo il primo…).

Entrambe le medaglie sono scaturite da prove disputate a Firenze, sul campo di gara del Terrapieno. A ricordo della grande prova d’orgoglio delle nostre ragazze azzurre e del guizzo finale di Simona, autrice della cattura di una splendida, determinante Carpa, la foto della “magic lady” della Pesca al Colpo italiana con la splendida regina catturata all’inglese con una delle sue fide Quartz 202. 

Veronica Visciglia ha disputato un Mondiale difficile, come tutte le nostre ragazze, al cardiopalma fino alla fine, ed ha sempre dato il suo fondamentale contributo, tanto nella difficile pesca alle alborelle del venerdì che con la pesca a roubaisienne, il sabato. Anche per lei il vanto di uno splendido oro a squadre.

 

Sempre per la Pesca al Colpo, l’apoteosi azzurra di Ostellato ha visto tra i protagonisti altre due stelle della Lenza Emiliana, Ferruccio Gabba ed Umberto Ballabeni, oltre a Moreno Ravaglia del GPO Tubertini di Bologna, Campione Italiano in carica e componente della Squadra Azzurra campione del mondo.

Per “Ferro” anche la soddisfazione della medaglia di bronzo individuale, frutto di due sonanti primi di settore ottenuti con grande sicurezza e determinazione, qualità a cui ci ha abituato Gabbino da sempre. Umberto Ballabeni, sfortunato, si è visto sfuggire negli ultimi cinque minuti della seconda prova, il piacere di bissare il primo di settore conquistato il giorno precedente. Autore dello sgambetto al “grande” di Cinisello Balsamo, già campione del Mondo individuale a Parigi nel 2001, un grande veterano delle rassegne mondiali, il belga Guido Nullens, autore della cattura di una autentica “big carp” proprio sul finire della gara.

 

Ancora, tra gli Azzurri che hanno vinto una medaglia d’oro, ricordo Piero Palai, dell’APO Tubertini di Firenze, autentica riserva di lusso di quella Nazionale Master che, ancora in Arno a Firenze ma sul campo della Fonderia, ha letteralmente dominato in entrambe le giornate con la più italica delle tecniche, la pesca dell’alborella. Come esordio in Nazionale Master poter appendere la medaglia più bella nella propria bacheca personale direi proprio che non è male, Piero!

 

Chi invece di Titoli mondiali individuali ne ha la bacheca ben fornita è il formidabile Marco Volpi, il volto della Canna da Natante italiana nel mondo da qualche lustro. Per il livornese della Lenza Emiliana Tubertini Mare, oltre che l’oro a squadre, il quinto alloro mondiale individuale, strameritato e conquistato con tre assoluti consecutivi nelle tre frazioni del Mondiale. Ormai Marco ci ha abituato talmente bene che fa notizia… quando perde!

Per il compagno di Club e di Nazionale Paolo Volpini, Campione Italiano 2011 e pluri medagliato come il concittadino Volpi, la gioia dell’oro a squadre ed il rimpianto del quarto posto individuale, ad un soffio dal podio.

 

Tra gli esordienti nelle competizioni mondiali anche il neo Campione Italiano di Pesca ai predatori da riva, il moderno Spinning, Arno Hermann. Il giovanissimo campione dell’Angler’s Club Tubertini di Bolzano, cresciuto alla scuola del grande Andrea Ferro, suo compagno di Club e di Nazionale, e del Presidentissimo Luciano Innocenti, ex Azzurro, è un autentico, esplosivo talento naturale. Oltre a svariati Titoli italiani nella categoria Under 22, il ventiquattrenne altoatesino può annoverare nel suo palmares anche le vittorie 2011 del Club Azzurro di specialità, il Titolo italiano individuale seniores, il Titolo mondiale a squadre per nazioni e l’oro individuale in questo Mondiale disputato nella acque del fiume Nera, in Umbria. Il tutto alla sua prima esperienza iridata! Per l’altro grande Azzurro taggato Tubertini, Andrea Ferro, l’amaro in bocca del podio individuale mancato per poco, mitigato dalla soddisfazione dell’oro a squadre ottenuto con un distacco abissale.

 

                                                                                                                                              Angelo Borgatti