Tubertini Media Tubertini Media Tubertini Media Tubertini Acquadolce
Tubertini Acquadolce
Val D'Amone Tubertini: migliore nella Lama

Val D'Amone Tubertini: migliore nella Lama

Il Cavo Lama ha confermato anche domenica 29 giugno, in occasione della terza prova del Trofeo di serie A2, le difficoltà tecniche che offre ormai da qualche stagione e la complessità di impostazione e scelta che debbono affrontare gli agonisti che si trovano impegnati a gareggiare su queste sponde. La scarsa pescosità, poi, non fa che aumentare il quoziente tecnico di una gara nelle acque modenesi.
Il bandolo della matassa lo hanno trovato Ivo Bubani, Ivan Solio, Leopoldo Liverani e Fabio Ugolini, ossia la formazione A della Val d'Amone Tubertini, che con sole 7 penalità hanno appeso nella bacheca sociale il trofeo della gara.
Grande, come è comprensibile, la soddisfazione degli amici di Brisighella (Ra), che per bocca del loro capitano Ivo Bubani mi hanno spiegato con molta disponibilità i loro "segreti" per imporsi nel canale di Novi.

"Innanzi tutto voglio ringraziare il nostro sponsor Tubertini, al quale ci lega non solo un accordo tecnico ma anche una amicizia di vecchia data. Questa nostra prima vittoria in A2 la vogliamo dedicare anche all'Azienda. Venendo alla gara in se, dalle prove del sabato, io e Ivan Solio, che abbiamo pescato nella zona di Ponte Ferro e Ponte Samice, avevamo visto che sarebbe stata una gara povera nella nostra zona, che ci avrebbe obbligato a cercare di racimolare qualche pesce con grande difficoltà.
In queste condizioni la roubaisienne é la canna che ti consente la maggior sensibilità e precisione, quindi la nostra partenza é stata a 13 metri. Abbiamo deciso di scodellare a 12.50 metri alcune palline di un mix composto da Gold Medal Brown e Fondo Big gialla, due sfarinati Tubertini che abbiamo già testato tante volte in queste acque, molto versatile e che non ci ha mai deluso; in quest'occasione abbiamo scelto di fare un composto leggermente più duraturo del solito,stringendolo maggiormente, visto che l'acqua muoveva un po' più del normale. Sotto la punta, a 13 metri, abbiamo depositato 2/3 palline di ghiaietto neutro incollato con pochissimi bigattini.
A questa distanza avevamo preparato dei PRO 91 e PRO 118 da 2 a 3 grammi, che abbiamo usato calando poco oltre la zona pasturata, perché con pesci così rari e diffidenti, qualche mangiata in più la si vedeva pescando ai limiti della zona pasturata, con poco appoggio dell'esca sul fondo. In questo modo abbiamo catturato entrambi qualche pesce.
La pesca a 13 metri ci ha dato qualche frutto per poco meno di un'ora poi é scesa la notte! L'alternativa poteva essere la ricerca vicino alle cannette della sponda opposta con la canna inglese o la pesca corta. Visto il movimento dell'acqua abbiamo tentato la carta della pesca con 3/4 pezzi di canna, con lenze similari alle precedenti ma grammature da 0.50 ad 1 grammo, sulle quali abbiamo alimentato con piccole palline di pastura scodellata e soprattutto dei pizzichi di bigattini sfusi, lanciati a mano, una scelta che ci ha premiato ancora con qualche pesce fondamentale."

E i tuo compagni di squadra Liverani e Ugolini dove hanno gareggiato?
"Loro erano impegnati tra Ponte Ascona e Ponte Ceccona, un tratto leggermente più pescoso. Le prove le aveva fatte solo Ugolini, perche Leo era impegnato in una gara di nuoto a Riccione e ci ha raggiunto solo il sabato sera (Nonostante questo, la domenica Leo ha vinto alla grande il proprio settore, per cui da ora in avanti... non lo vogliamo più a provare il sabato e lo manderemo a nuotare altrove!). Anche qui l'impostazione é stata la medesima, solo un po' più abbondante nei quantitativi perché quello é un tratto mediamente più generoso, soprattutto se si usano più bigattini incollati con la Rubber ed il ghiaino. Qui la pesca é durata, lenta ma costante, per tutte le tre ore a 13 metri."

Allora Leopoldo é un vincente anche senza provare...
"Leo è certamente forte, lo sappiamo bene. Pensa che, non solo non ha potuto provare, ma la domenica mattina si è accorto di aver lasciato a Brisighella la Rubber per incollare i bigattini ed ha fatto tutta la gara solo con la pastura, 3 kg del nostro mix, e pescando più leggero per raccogliere tutto, ha vinto il settore!"

Ivo, non mi hai "svelato" quali ami avete pescato...
"Con questa pescosità ridotta, dove é fondamentale un innesco perfetto, i nostri ami sono stati dei 18 e 20 della serie 2, legati con 25 cm di Dragon Neutral da 0.09 mm. Ottimi!"

 

 

                                                                                                                                         Angelo Borgatti