Tubertini Media Tubertini Media Tubertini Media Tubertini Acquadolce
Tubertini Acquadolce
La Lenza Romagnola Tubertini vince ancora!

La Lenza Romagnola Tubertini vince ancora!

Facile il titolo per questo pezzo sulla bella manifestazione di solidarietà promossa dalla Lenza Romagnola Tubertini di Alfonsine (Ra), giunta quest’anno all’ottava edizione.
Facile perché gli amici romagnoli hanno vinto anche quest’anno, bissando il successo del 2011, la manifestazione sportiva ma, soprattutto, hanno vinto per l’ottava volta la scommessa di raccogliere fondi per una causa tanto nobile come quella dell’AIL (Associazione Italiana per la lotta alle Leucemie).
Sabato 14 aprile, nonostante le condizioni meteo poco concilianti con un evento sportivo all’aria aperta come una gara di pesca, nonostante la scarsa pescosità del canale, nonostante la concomitanza in calendario con la prima prova del Trofeo d’Eccellenza Nord e ben due prove di campionati provinciali vari che hanno forzatamente tenuto lontano da Anita molti potenziali partecipanti, Maurizio Randi e soci hanno schierato 44 concorrenti nel tratto di Circondariale Sud Est a cavallo del chilometro 2.
Per fortuna, Qualcuno lassù in alto ha voluto benedire la nobile causa che ci ha portato sul canale ferrarese, mantenendo chiuse le cataratte del cielo e le finestre del maestrale, nonostante tutte le previsioni meteo dei giorni precedenti consigliassero di starsene al calduccio e all’asciutto in casa, pensando ad altro; così ne è uscita una mattinata fresca ma tutto sommato accettabile, senza una goccia di pioggia e con un vento affrontabilissimo per chi è abituato alle bizze di Anita e del suo Eolo.
Meno ottimale la situazione della pescosità ma, d’altronde, si poteva benissimo immaginare che non  sarebbe stata una mattanza ma una ricerca esasperata di qualche tocca. Programmata a tecnica libera, per la maggioranza la prova è stata da subito quasi esclusivamente una gara all’inglese ma non sono mancati quelli che hanno tentato la carta roubaisienne, almeno ad inizio gara, per cercare una mangiata per poi ripiegare presto sulla canna di origine britannica. Come linea di pesca con i waggler, la maggiormente gettonata è stata quella sulla tre quarti del canale, nel punto di massima profondità (si fa per dire!!!), pasturata, a seconda delle varie opinioni, con mix di terre e pasture varie o con palline di bigattini incollati con ghiaia, sempre in modeste quantità e con la massima precisione possibile, per non saziare i pochi pesci presenti.
Sono usciti generalmente numericamente pochi esemplari ma spesso di taglia notevole, sia carassi che breme, che hanno fatto lievitare i pesi in maniera quasi normale per qualsiasi altra gara, non fosse altro che quasi sempre questi pesi sono il frutto di 2/3/4 catture nell’arco delle tre ore.
Il maggior peso assoluto di giornata è stato fatto registrare da Gianni Pezzoli del GPO Tubertini, che è stato sorteggiato al primo picchetto del campo gara ed ha regolato tutti con 5300 punti frutto di una decina di pesci circa. Altri vincitori di giornata sono risultati, nell’ordine, Sergio Lama della Bagnacavallese, Luciano Pasini della Lenza Romagnola Tubertini, Claudio Ianniciello del GPO Tubertini di Bologna ed ancora uno dei padroni di casa della Lenza Romagnola Tubertini, Aldino Faccani. Per tutti costoro il sapore della vittoria ha assunto anche il sapore, ben più tangibile, di prosciutto stagionato, il classico premio in natura che questa gara riserva a tutti i vincitori di settore; premi in natura di vario genere anche per i classificati fino al quarto posto di ogni settore.
Tra le squadre, come detto, la Lenza Romagnola Tubertini (Luciano Pasini, Aldino Faccani, Giovanni Fantini e Damer Dal Pozzo), con 14 penalità complessive bissa il successo del 2011, dimostrando una perfetta conoscenza delle acque di casa. Seconda piazza, con 16,5 punti, per gli Amici per la Pesca di Bologna mentre la Bagnacavallese di Frulloni e company è salita sul terzo gradino del ideale podio per squadre. Al termine, come da copione, tutti a pranzo alla Festa del Cacciatore e del Pescatore di Borgo Fratti di Alfonsine, l’evento annuale che promuove tutta la manifestazione di raccolta fondi pro AIL in collaborazione con la locale Associazione di cacciatori.
Operatore al computer d’eccezione nella persona di Antonio Fusconi, notissimo membro del Settore nazionale Acque Interne e G. di G. nazionale dei massimi campionati di Pesca al Colpo.
Arrivederci all’edizione 2013, con la speranza di una partecipazione ancora maggiore per raccogliere un contributo economico ancora maggiore da offrire a tutti coloro che, meno fortunati di noi, sono seguiti ed assistiti dall’AIL.



                                                                                                                                              Angelo Borgatti