Tubertini Media Tubertini Media Tubertini Media Tubertini Acquadolce
Tubertini Acquadolce
Giorgio Ghirotti sul podio regionale feeder

Giorgio Ghirotti sul podio regionale feeder

Quella disputata lunedì 6 aprile è stata la quarta edizione del Trofeo Regionale Emilia Romagna di pesca a feeder individuale. Campo gara il Circondariale di Ostellato, Campo Vecchio, su cui si sono disposti la sessantina di iscritti a questa competizione. Probabilmente una scelta più felice della data (il Lunedì di Pasqua, comunque ha certamente tenuto lontano più di un agonista, impegnato magari con la famiglia vista la particolare festività...) sicuramente avrebbe portato qualche canna in più sul campo gara, che risentiva delle tante perplessità sulla pescosità riscontrate in tutte le competizioni precedenti a questa.
Va detto subito che il canale, pur nella pochezza, ha dato dei responsi certamente meno allarmanti delle scorse settimane, con pochi cappotti nel complesso e qualche pesce per tutti, condizione che ha tenuto in gara sino al termine una buona percentuale dei presenti. E questo è certamente un bene per tutto il movimento ed innanzitutto per il prossimo appuntamento del Memorial Van Den Eynde in programma già domenica prossima, 12 aprile.


Quando affermo che la maggior parte dei partecipanti è stata in gara per un buon piazzamento sino alla fine mi riferisco al fatto che sono uscite diverse breme di grossa e grossisima taglia che hanno spesso fatto impazzire le classifiche di settore con importanti mutamenti di piazzamento per coloro che le hanno portate alla pesatura finale.
In generale, però, parliamo sempre di poche unità come numero di cattura cadauno nell'arco delle 5 ora su cui si è articolata la gara. Certamente, però, rispetto ai tantissimi cappotti solo della settimana scorsa è stato un successo.
Oltre a diverse breme XL ed XXL si sono viste anche diverse borderlier da 50/150 grammi che hanno fatto, finalmente!, vibrare le vette sensibilissime usate da tanti dei presenti. La gara, oltre alla pescosità ridotta, ha presentato ulteriori difficoltà a causa delle condizioni del canale, spazzato da un vento trasversale freddo e a tratti anche molto teso, che ha reso difficili i lanci e la precisione. A completare il quadro anche la corrente del canale, in senso opposto al vento, che ha reso più complicata l'azione di pesca e la percezione delle mangiate, quasi sempre appena accennate. La chiave di volta, spesso, è stata proprio questa: la capacità di leggere bene la cima sulle tocche timide delle breme e il disturbo di vento e corrente.
In questo è riuscito molto bene il nostro Giorgio Ghirotti, feeder man in forza alla ASD Valdamone Tubertini di Brisighella (Ra), che con 13 catture complessive, uno dei numeri più alti in assoluto, ha regolato con decisione il proprio settore e si è accomodato sul secondo gradino del podio finale con oltre 6.500 punti. Ma sentiamo dallo stesso Giorgio il racconto della sua gara vittoriosa:

"Avevo deciso di impostare la mia gara, almeno all'inizio, poco oltre la metà canale, sui 45 metri, dando pastura morbida, della Gold Medal Brown di Tubertini, farcita con raparini, per cercare almeno un pesce per scappottare, vista la scarsa pescosità dei giorni scorsi. Nella prima ora, però, questa impostazione non mi ha reso molto e avevo alcuni agonisti del settore messi meglio di me come catture. Allora ho deciso di forzare perchè avevo la sensazione che qualche pesce di taglia su quella linea dovesse esserci. Ho smesso di aggiungere qualche raparino e sono passato ai bigattini incollati inseriti tra due tappi della stessa pastura in un Rocket Medium di Nisa. Dopo qualche lancio nella stessa zona in cui avevo pescato prima, ho trovato la prima breme grossa che mi ha dato una bella carica. Capito che quella poteva essere la scelta giusta, ho insisitito con il bgatto incollato nella pastura e, pesce su pesce, sno arrivato a 13 catture e 6 chili e mezzo totali."

Quali canne hai usato, Giorgio?
"Avevo preparato tre Concept ma ho usato pressochè esclusivamente la Medium da 13 piedi montata con un nuovo mulinello Concept Ryobi Tubertini, un abbinamento perfetto anche questa volta!"

Da quanto tempo peschi a feeder, Giorgio?
"Io vengo dal colpo, che ho praticato per diversi anni. Ho pescato tanto anche a ledgering perchè mi piace molto. Le gare di feeder le faccio da tre anni ed è stato un passaggio naturale per me.

Prima di concludere, Giorgio, vuoi ringraziare qualcuno per questo tuo successo?
"Nell'ambito sportivo non posso che dedicare questa vittoria alla Valdamone Tubertini, che mi ha accolto di recente e mi ha gratificato molto per questo successo di Pasquetta. Un apprezzamento voglio farlo anche per lo sponsor Tubertini per l'aiuto che fornisce alla Società e per la qualità dei suoi prodotti che usiamo tutti con ottimi risultati. Grazie!"






                                                                                                                                         Angelo Borgatti