Tubertini Media Tubertini Media Tubertini Media Tubertini Acquadolce
Tubertini Acquadolce
Sabato giallo/nero ad Adria

Sabato giallo/nero ad Adria

Organizzato dalla Lenza Loredana Tubertini, sabato 1 aprile si è svolto il “1° Trofeo Sartori e Ruzzante”, memorial indetto dalla società di Loreo (Ro) in ricordi due Soci scomparsi. Questa gara, alla vigilia del 9° Memorial Van den Eynde, era strutturata in due sezioni distinte, una di pesca al colpo ed una di feeder, ed è stata affrontata da tanti colpisti e feederman, che sono scesi ad Adria animati dalle migliori aspettative. E il Canal Bianco, sui suoi campi gara loredani de Le Chiatte e Fronte Chiatte per il colpo e nel tratto del comune di Adria su cui insiste la località di Piantamelon per il Feeder, ha offerto una pescosità sicuramente più accettabile, pur nelle difficoltà stagionali che hanno visto le breme non ancora perfettamente distribuite lungo l’asta del largo canale navigabile. Quasi 130 le coppie iscritte nella sezione della pesca al colpo mentre hanno sfiorato le trenta quelle che hanno scelto la specialità del feeder.  Ed è stato subito un festival all’insegna dei colori Tubertini, poiché tra i colpisti sono risultati migliori due gioiellini della Lenza Emiliana che rispondono ai nomi di Marcello Corradi e del neo acquisto Lorenzo Bruscia, che hanno fatto fermare il display della bilancia elettronica oltre quota 17.000; sul podio ideale del colpo, esattamente al terzo posto, ancora una coppia della Lenza Emiliana Tubertini, quella formata da Maurizio Biancoli e Rubens Raimondi. Copione simile anche nella sezione della pesca a feeder, protagoniste questa volta due coppie del GPO Tubertini di Bologna, esattamente prima e seconda assoluta: i migliori sono stati Enrico Landi e Stefano Degli Esposti, che con oltre 20 chili hanno realizzato la nassa più pesante in assoluto tra gli oltre 300 iscritti; dietro a loro Maurizio Tarozzi e chi vi scrive, con un complessivo di oltre 13.000 punti. 


                                                                                                                            Angelo Borgatti